Ricerca

I trapianti di feci potrebbero rivoluzionare il trattamento del diabete 1

L’ospedale universitario UMC di Amsterdam riceverà 1 milione di euro per studiare il ruolo dei batteri intestinali nel diabete di tipo 1. I donatori di beneficenza per il diabete Diabetis Fonds e Stichting DON hanno affermato che la ricerca è “un approccio nuovo e inaspettato ma molto promettente” alla malattia, che colpisce circa 120.000 persone nei Paesi Bassi.

Nelle persone con diabete di tipo 1 il sistema immunitario impedisce la produzione di insulina, che i pazienti devono somministrare a se stessi. I ricercatori ora pensano che un trapianto fecale possa indebolire la reazione del sistema immunitario. Il microbioma, o intestino, contiene batteri, lieviti e virus e svolge un ruolo nel funzionamento del metabolismo degli zuccheri e del sistema immunitario.

Nelle persone con diabete 1, la composizione del microbioma e del sistema immunitario dell’intestino è diversa e la presenza di batteri intestinali da una persona sana potrebbe aiutare a stabilizzare la malattia, prevenendone i picchi o addirittura curandola completamente. L’indagine dovrebbe durare cinque anni e potrebbe portare a un trattamento completamente nuovo per il diabete 1, sia per le persone a cui è stata appena diagnosticata la malattia che per quelle che hanno avuto la malattia da più tempo, hanno detto i ricercatori. “Sono molto ottimista sull’idea di trapianti fecali per questi pazienti, anche perché sono convinto che porterà a una migliore comprensione della causa della malattia,” ha detto il professor Max Nieuwdorp di Amsterdam UMC.

VUmc; CCA & Polikliniek