Ricerca

Esclusivo: gli scienziati sviluppano un test della glicemia indolore per i diabetici

Il professore di fisica Paul Dastoor mostra una striscia reattiva non invasiva stampabile per la saliva per diabetici presso l’Università di Newcastle, New South Wales, Australia [Per gentile concessione dell’Università di Newcastle via Reuters]

(Fonte: Al Jazeera) Scienziati australiani affermano di aver sviluppato un test della glicemia indolore per i diabetici, una striscia non invasiva che controlla i livelli di glucosio attraverso la saliva.

Per i diabetici, gestire i livelli di zucchero nel sangue in genere significa pungersi le dita più volte al giorno con una lancetta e quindi posizionare una goccia di sangue su una striscia reattiva. Comprensibilmente, alcuni malati di diabete evitano il processo doloroso riducendo al minimo i loro test.

Tuttavia, questo ultimo test funziona incorporando un enzima che rileva il glucosio in un transistor che può quindi trasmettere la presenza di glucosio, secondo Paul Dastoor, professore di fisica all’Università di Newcastle in Australia, che ha guidato il team che lo ha creato.

Ha detto che i test creano la prospettiva di test del glucosio indolori e a basso costo che dovrebbero portare a risultati molto migliori per i malati di diabete.

“La tua saliva contiene glucosio e quella concentrazione di glucosio segue la glicemia. Ma è una concentrazione circa 100 volte inferiore, il che significa che abbiamo dovuto sviluppare un test a basso costo, facile da produrre, ma con una sensibilità circa 100 volte superiore rispetto al test del sangue standard per il glucosio”, ha detto Dastoor ad Al Jazeera.

Poiché i materiali elettronici nel transistor sono inchiostri, il test può essere effettuato tramite stampa a basso costo.

“I materiali con cui lavoriamo sono notevoli, sono inchiostri elettronici che possono fungere da materiale elettronico, ma la differenza è che possiamo stamparli su larga scala utilizzando una stampante reel-to-reel, la stessa che usi per fare i giornali “, ha detto Dastoor.

Il progetto ha ottenuto un finanziamento di 6,3 milioni di dollari australiani (4,7 milioni di dollari) dal governo australiano per creare una struttura per la produzione dei kit di test in caso di superamento degli studi clinici.

Dastoor afferma che la tecnologia potrebbe anche essere trasferita ai test COVID-19 e ai test su allergeni, ormoni e cancro.

L’università sta già lavorando con l’Università di Harvard su un test per COVID-19 utilizzando la stessa tecnologia.