Ricerca

La ripresa in sicurezza della ricerca è importante, fattibile

person holding laboratory flask
Photo by Chokniti Khongchum on Pexels.com

Boston – All’inizio della pandemia COVID-19, proprio quando le istituzioni pubbliche e le imprese chiudevano, anche i programmi di ricerca che eseguivano la ricerca sui partecipanti umani (HPR) cessarono in gran parte le operazioni. Ora, le università e le organizzazioni sanitarie che conducono HPR stanno valutando la riapertura.

Sebbene attualmente esistano linee guida del governo federale e statale e delle società di specialità mediche per aiutare a riavviare i servizi sanitari e riprendere gli studi clinici, non è disponibile alcuna guida chiara per aiutare la ripresa dell’HPR negli studi di coorte osservazionali basati sulla comunità.

In una recensione narrativa nel Journal of the American Heart Association  i ricercatori del Boston VA Healthcare System e della Boston University School of Medicine (BUSM), descrivono un potenziale percorso per riaprire in modo sicuro studi osservazionali basati sulla comunità, attingendo alle conoscenze scientifiche e migliori pratiche da una varietà di fonti mediche e laiche.

“Descriviamo un quadro per il modo in cui la ricerca su soggetti umani può essere potenzialmente ripresa durante la pandemia, garantendo al contempo la sicurezza dei partecipanti umani”, ha spiegato l’autore corrispondente Raghava S. Velagaleti, MD, MPH, FSCAI, cardiologo presso il VA e istruttore aggiunto di medicina presso BUSM.

I ricercatori evidenziano le raccomandazioni attuali e le metriche utili per guidare le decisioni riguardanti la riapertura / richiusura sicura e per lo screening e la sorveglianza del COVID-19 tra dipendenti e partecipanti. Suggeriscono anche modi in cui gli studi osservazionali possono potenzialmente aiutare gli sforzi per caratterizzare la pandemia.

Secondo i ricercatori, l’interruzione indefinita della ricerca osservativa comporta danni alla società e all’impresa di ricerca in termini di nuova conoscenza non generata e programmi di ricerca che potrebbero fallire, portando a risorse sprecate e guadagni non realizzati. “Scienziati e ricercatori stanno dedicando una riflessione e uno sforzo considerevoli allo sviluppo di strutture per garantire la sicurezza dei partecipanti alla ricerca durante la pandemia e mitigare la probabilità dei partecipanti di contrarre COVID-19 a causa della loro partecipazione a studi di ricerca”, ha detto l’autore senior Vasan Ramachandran, MD, FAHA, FACC, professore di medicina presso BUSM e direttore del rinomato Framingham Heart Study.

I ricercatori ritengono che le loro politiche e procedure di ricerca ridisegnate e un approccio cauto alla riapertura consentano di riprendere la ricerca mitigando contemporaneamente i rischi per i partecipanti e il personale. “Il nostro approccio suggerito può essere un potenziale percorso in avanti non solo per l’attuale ripresa degli studi osservazionali, ma anche per riprogettarli per migliorare l’esperienza dei partecipanti alla ricerca e far fronte a possibili future pandemie di malattie infettive”, ha aggiunto Velagaleti.

man doing a sample test in the laboratory
Photo by Edward Jenner on Pexels.com